Kirtan e Mantra - Simone Tagliabue

Vai ai contenuti

Menu principale:

Kirtan e Mantra

APPROFONDIMENTI

Kirtan e Mantra

La pratica del kirtan, è una tecnica di meditazione che si sviluppa attraverso il canto ripetitivo di diversi mantra.
Un mantra è una vibrazione prodotta dal suono o mentalmente di una formula in lingua sanscrita.
Sono mantra scritti dagli antichi saggi indiani che in profonda meditazione ricevevano queste vibrazioni.

Ogni mantra ha un suo significato, associato ad una qualità divina. Nella tradizione orientale, ogni divinità rappresenta una qualità divina che è potenzialmente sviluppabile in ognuno di noi. Qualità come la saggezza, l’amore incondizionato, l’abbandono, l’umiltà, la forza ecc.
Ripetendo quindi questi mantra possiamo sviluppare tutte queste qualità divine.

La ripetizione del mantra (japa) serve a focalizzare la mente solo su quel suono o vibrazione, in modo da svuotarsi ed essere ricettiva e pronta ad espandersi verso la sua vera natura: il Sé supremo, l’Uno.


Il kirtan è una modalità di canto devozionale in cui il coro ripete il mantra cantato dal solista, e oltre all’effetto vibrazionale del mantra, sviluppa un’altra meravigliosa qualità: la devozione.
Già, perché ognuno ci può mettere le proprie preghiere nel canto, e abbandonarsi a ciò che Dio è in grado di farci vivere: la sua scoperta all’interno di noi stessi.

Io con altri amici, spesso, condividiamo questa bellissima pratica, in alcuni centri che propongono questo tipo di serate, o semplicemente in cerchio sotto le stelle.

Nello specifico io mi occupo delle percussioni mentre gli altri componenti del "gruppo" suonano harmonium, chitarra e ovviamente voce.
Lo spirito con cui propongo questa tecnica è proprio quello della condivisione. Non è una performance, ma uno strumento a disposizione di tutti!


Torna ai contenuti | Torna al menu